#AroundTheWorld: Oceanário de Lisboa

Sin da bambino sono sempre stato affascinato dall’oceano: il fondale marino, le creature esotiche e il piccolo grande sogno di arrivarci un giorno, magari non troppo lontano, erano per me l’aspirazione della vita.

Crescendo, nonostante non voglia più azzardare l’impresa, mi è rimasta la grande curiosità e passione per l’immensa distesa d’acqua e per i suoi abitanti; pertanto non ho esitato ad accettare la proposta di visitare la mastodontica attrazione della capitale lusitana, soggetto della foto sottostante.                   

 

L’edificio, che sorge nell’area Expo ‘98, è uno stabilimento che occupa circa 30’000 metri quadri, e che affacciandosi sull’Atlantico dà fin da subito un “benvenuto” particolare, immersivo.
Orientarsi è molto semplice: il percorso è unico e obbligato, oltre che ben indicato dalle piantine riportate spesso all’interno, come quella sottostante:

 

Appena entrati, è impossibile non rimanere colpiti dall’incredibile vasca principale: i suoi (quasi) 6,5 milioni di litri d’acqua nei 7 metri d’altezza (pari a circa 27 appartamenti da 100m^2 di superficie) ospitano squali, razze, sogliole e, sommando anche le vasche secondarie, altre specie diverse (per un totale di 450) toccando i 16’000 esemplari.

 

Proseguendo, si ha la possibilità di visitare le “esclusive” di ogni oceano, posti uno per angolo: il primo, ad esempio, è l’oceano antartico, rappresentato qua sotto:

Secondo le stime degli addetti ai lavori, gli esemplari sono sfamati con almeno 500kg di mangime al giorno e sono perfettamente addestrati a non attaccare né altri “coinquilini” né i sommozzatori che entrano quotidianamente in acqua per interventi sulla vasca o per nutrirli.

Durante la mia visita, nel palazzo a fianco si stava tenendo l’esposizione temporanea sulle “foreste tropicali subacquee” di Takashi Amano, che fu un famoso fotografo di paesaggi, acquariofilo e naturalista giapponese, nella quale erano esposte 46 specie di piante assieme a 10’000 esemplari di pesci tropicali appartenenti a 40 specie. L’enorme allestimento, un acquario di 160 metri cubi, si aspetta di contare nei suoi 30 mesi di durata circa un milione e mezzo di visitatori


Insomma, questo vanto della città di Lisbona è stata un’autentica sorpresa per me: colorato, curioso e vario nella sua semplicità; quindi se doveste passare per Lisbona meditate di farci un salto, ne vale la pena!

Condividi con #KoinervettiSocial


About CoordinatoreAdmin

Coordinatore e admin di Koinervetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *