Ms. Lonely è morta

La sua vita è stata raccontata da molte voci, italiane, inglesi ma solo una racconta la vera storia, quella americana, quella di Bob Dylan.

Il declino di una donna egocentrica nella povertà e nella solitudine, prima una miss popolarità ora una donna invisibile che non ha nulla da nascondere.

Like a rolling stone è una canzone sadica, che rifiuta i canoni delle canzoni più popolari di quel periodo, si impone con i suoi quasi 7 minuti, rifiuta l’amore, la voce cinica di Dylan canta questa pezzo che lui stesso definisce un conato di vomito, pezzi di odio, vendetta e sincerità.

Dylan chiede nel ritornello, come ci si sente ad essere da sola, una sconosciuta, come una pietra scalciata, un titolo e un ritornello, che poggiano le loro radici nel vecchio proverbio “A rolling stone gathers no moss” (“una pietra che rotola non raccoglie muschio”) un nomade senza radici, casa, non porta con se nulla, nè relazioni nè responsabilità, è qualcuno d’invisibile e senza segreti, proprio come la nostra Ms. Lonely.

Il re del folk, quando gli chiesero’ il significato di questo pezzo, disse che un fantasma prese la sua penna e scrisse per lui quei venti fogli, condensati in quattro versi, passati per una produzione caotica di un pezzo storico che ha viaggiato e viaggiera’ ancora a lungo.

Lei e’ arrivata anche in Italia, con gli articolo 31, cambia nome, Ms. liceo, ma non abitudini, oltre a consumare uomini su uomini e trovarsi bloccata con un compagno violento, inizia a disprezzare i diversi, gli stranieri ma solo quando si trovera’ ai livelli piu’ bassi della societa’ capira’ che non ci sono colori e razze, ma solo anima.

Bob Dylan – Like A Rolling Stone

 

Condividi con #KoinervettiSocial


About CoordinatoreAdmin

Coordinatore e admin di Koinervetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *