E’ morto il cinema 3D, perchè?

Il cinema 3D è morto, nessuno si chiede perchè?

Sono scomparsi i film al cinema in 3D, dopo Gravity. Forse qualcuno se ne è reso conto, ad altri non è interessato minimamente ma è così.

Quello che verrà analizzato in questo post, però, è il perchè di questo fenomeno.

Le motivazioni principali sono 2:

1) E’ capitato a tutti almeno una volta di uscire dalla sala di un cinema, dove si era visto un film in 3D e di uscire , avere giramenti di testa… Ma perchè?

Tutta colpa della PROFONDITA’ DI CAMPO, la percezione che ha l’occhio nel riconoscere la posizione degli oggetti in una scena.

In fase di registrazione, i film vengono ripresi con diverse lenti dell’obbiettivo che mettono a fuoco in modi diversi. Per fare un esempio, se in una scena l’attore è messo a fuoco, mentre lo sfondo è sfocato, è proprio perchè è stato ripreso con una lente in grado di fare questa distinzione ed è state impostata per questo.

In altre ancora (come spesso usate in Revenant o appunto Gravity) ogni oggetto è messo a fuoco. Perchè queste scelte?

A seconda di cosa vede l’occhio messo a fuoco, si concentra in automatico su quello. Quindi se il regista vuol far concentrare sull’attore così ci riesce.

Detto ciò, il 3D serve essenzialmente per dare profondità, e questo l’occhio lo percepisce. Notando questa differenza, se l’occhio dello spettatore vaga per la scena e guarda lo sfondo (fuorifuoco), si sforzerà per metterlo a fuoco ma non ci riuscirà mai. Questo comporta una fatica costante e inutile e ne conseguono giramenti di testa ed a volte nausea.

2) Non è così strano al giorno d’oggi usare gli effetti speciali. Quello che però in pochi sanno è che le modifiche apportate ad un film o comunque a un video sono 2D. Questo che significa che…

In parole povere lo sfondo vero e proprio molto spesso non è altro che un “greenscreen” con di fronte oggetti veramente tridimensionali per riuscire a gestire i movimenti della camera. Nel momento in cui si riesce a distinguere la profondità, si nota chiaramente che quella è un’immagine messa lì (non a caso) e non magari il panorama di una città, perchè appunto non sono realmente presenti nella scena.

Di solito le produzioni più adatte a questo tipo di regia sono (per assurdo) i cartoni animati. Spesso questo concept è caratterizzato da molti oggetti a schermo con profondità diverse. Anche Gravity ha questa caratteristica perchè la maggiorparte degli oggetti sono stati costruiti materialmente, non fatti al computer.

Ed ecco perché non verranno fatte altre TV 3D. Forse più avanti qualcosa cambierà e verrà risfruttata questa tecnologia ma al momento è un’idea che si discosta troppo dal nostro futuro prossimo.

Condividi con #KoinervettiSocial


About CoordinatoreAdmin

Coordinatore e admin di Koinervetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *