Meritocrazia: trono o ghigliottina?

Premiare i docenti più meritevoli non è mai stato un problema realmente considerato dalla scuola italiana. O meglio, non lo era prima dell’avvento della “Buona scuola” che, con la legge 107, ha introdotto una riforma potenzialmente migliorativa. Infatti, pensare ad una scuola senza il riconoscimento del merito degli insegnanti risulterà sempre più difficile, in quanto causante perdita di appeal per il mestiere in questione. La scuola italiana non sembra voler correre questo pericolo, è per questo che sta intraprendendo un percorso nuovo. Un cammino dove si prevedono molpteplici ostacoli.

“Come si valuteranno gli insegnanti?”, “In base a cosa si assegneranno i bonus?”… Queste, a tante altre domande stanno tenendo banco.

La bontà dell’attivazione di un “sistema meritocratico” è indubbia, come saranno indubbie le difficoltà che presidi e comitato di valutazione si troveranno di fronte al momento della valutazione: questi potrebbero garantire a tutti un minimo di riconoscimento per evitare conflitti tra colleghi, potrebbero premiare i docenti che si sono attivati per migliorare l’organizzazione della scuola, potrebbero riconoscere maggiori meriti a coloro che partecipano a progetti di una certa rilevanza (anche internazionale) o potrebbero semplicemente valutare gli insegnanti in base alla reputazione che hanno tra colleghi, alunni e genitori.

Ciò che si spera, è che coloro che hanno potere decisionale, nel valutare, non si dimentichino di requisiti fondamentali che il docente dovrebbe avere, come passione, competenza, innovazione ecc.

Tuttavia, oggettivamente, ogni “metodologia di valutazione” definita, ha delle ragioni per essere presa in considerazione, ma ciò che conta maggiormente è che il sistema-scuola sia sintonizzato sulla stessa frequenza. La scelta finale deve essere condivisa da tutti.

La collaborazione e l’unità d’intenti (per quanto utopici) sono quindi imprescindibili nella scuola (come nella vita), ed è attraverso questi che si potrà contribuire a creare una scuola realmente “buona”.

Condividi con #KoinervettiSocial


About CoordinatoreAdmin

Coordinatore e admin di Koinervetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *