L’oscurazione del Bel Paese

“E’ il paese più bello del mondo”: questa è una delle affermazioni più frequenti che turisti di tutto il pianeta fanno dopo aver visitato la nostra penisola. Paese natale di scienziati rivoluzionari, letterati storici, pittori formidabili e scultori strabilianti. Questi ultimi, in grado di esaltare all’ennesima potenza bellezza maschile e femminile (il David di Michelangelo, la Venere di Botticelli): cosa penseranno vedendo le loro meraviglie coperte da un semplice telo bianco?

Sublime l’accoglienza riservata all’Iran e al suo presidente Hassan Rouhani (non visitavano l’Europa dai tempi di Mussolini), salvati con un pannello dalla cecità precoce causata dalla visione di opere d’arte (che gli potevano essere evitate con un altro percorso). Effettivamente l’Iran è una Repubblica dalle regole molto rigide (nonchè molto sensibile), per questo i nostri rappresentanti (o forse no), hanno pensato bene di “censurare” le statue di nudi dei musei di Roma per non urtare la sensibilità degli ospiti che alle nostre visite sono rispettosi e disponibili ad accettare le tradizioni occidentali (tanto da far coprire il capo delle ministre che si recano nel paese asiatico, come previsto dalla loro legge). La “velata” cultura islamica, quindi, deve aver contagiato anche noi italiani che, tuttavia, invece di tentare di “nascondere” i conti in rosso abbiamo “imprigionato” ciò che di più bello la nostra storia può vantare. Comunque, non possiamo dire che non ne sia valsa la pena: Rouhani è rimasto molto colpito dall’ospitalità dimostratagli dicendo che “gli italiani fanno di tutto per mettere a proprio agio gli ospiti”. Per i nostri “turisti” contrattiamo, oscuriamo, stacchiamo simboli dalle pareti… Come non essere d’accordo?

Diteci la vostra!

Sorry, there are no polls available at the moment.

Condividi con #KoinervettiSocial


About CoordinatoreAdmin

Coordinatore e admin di Koinervetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *