Due biro + due frutti = views assicurate!

Dopo il successo di PSY con l’indiscusso brano “Gangnam Style” e l’orientale in chiesa con la reclamata frase “sono giapponese!”, l’Asia torna alla ribalta tramite il nuovissimo brano “PPAP” cantato dallo showman giapponese Piko-Taro.

Se ancora non lo hai né visto né sentito parlare è perché probabilmente la tua situazione sociale risulta totalmente inattiva, perciò DEVI ASSOLUTAMENTE GUARDARLO! Il nuovo tormentone ha spopolato nel web negli ultimi giorni, facendo ad oggi almeno 50 milioni di visualizzazioni tra YouTube, Facebook e Instagram.

https://www.youtube.com/watch?v=d9TpRfDdyU0

Ormai è sulla bocca di tutti, viene cantato e imitato in qualsiasi nazione… La domanda che ci si pone è: come può un simile video diventare così virale e avere un successo tale in così pochi giorni? Sarà merito della sua naturalezza? Per il suo apparente nonsense? Il momento di gloria avrà vita breve? Sappiamo solo che sicuramente segnerà la storia del tormentone. Il filmato diventato di per sé è alquanto discutibile… Cosa attira l’attenzione e che cosa ci fa incuriosire così tanto a guardarlo? Il personaggio buffo che lo interpreta o la frase che pronuncia, tanto semplice quanto penetrante?

Iniziando a guardare il video ci sembra stupido, ma chissà come mai continuiamo ad interessarci: la cosa strana è che la melodia entra nella testa nonostante (anzi, proprio per) la sua mancanza di senso, molti ragazzi (anche adulti) provano ad imitarlo creando gesti, persino prendendo gli oggetti banali che cita nella canzone. A questo punto, sorgono altre domande: siamo  davvero così vulnerabili al web? Una canzoncina così sempliciotta ci attira così tanto? Bastano davvero soltanto due penne, una mela ed un ananas per guadagnare rapidamente fama? Ma soprattutto, questi prodotti mediatici sono veramente così banali come appaiono, o sono ben studiati per attirare l’attenzione del popolo del web? Vengono ideati per avere visibilità o per il puro piacere di farli? E se la gestualità fosse studiata per persuadere lo spettatore, magari nascondendo qualche messaggio?

Le solite domande a cui non diamo solitamente una risposta perché alla fine ciò che conta è l’effetto immediato che fa su di noi. Ma voi invece, cosa ne pensate di questo brano?

Condividi con #KoinervettiSocial


About CoordinatoreAdmin

Coordinatore e admin di Koinervetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *