Il linguaggio dei suoni per produrre salute e benessere

La musicoterapia è una tecnica che utilizza la musica come strumento terapeutico, allo scopo di promuovere il benessere dell’intera persona. Questa tecnica propone di sviluppare potenziali funzioni dell’individuo in modo tale che egli possa ottenere una migliore integrazione sul piano intrapersonale e interpersonale.

Oggi vi sono diversi approcci alla musicoterapia. Diverse metodologie che hanno prodotto alcune musicoterapie, con un ampio spettro che va dall’approccio pedagogico, a quello psicoterapeutico a quello psicoacustica. La musicoterapia inoltre è impiegata in diversi campi che spaziano da quello della SALUTE, come prevenzione, riabilitazione e sostegno, a quello del BENESSERE al fine di ottenere un migliore equilibrio e armonia psico-fisica. Il musicoterapista è un mezzo attraverso il quale un paziente si apre e “tira fuori” le proprie emozioni. La musica dà alla persona malata la possibilità di esprimere e percepire le proprie emozioni, di mostrare o comunicare i propri sentimenti o stati d’animo attraverso il linguaggio non-verbale.

Cattura

Come il linguaggio verbale, anche la musica è uno dei fondamenti della nostra civiltà.

L’uomo costruì i primi strumenti oltre 35 mila anni fa: tamburi, flauti, scacciapensieri. Ma perché i nostri antenati incominciarono a fare musica? Quali vantaggi ne ricavavano?

Oggi gli antropologi mettono in primo piano la capacità della musica di cementare una comunità, scandendone i ritmi e rinsaldando i legami fra i suoi membri. Essa garantirebbe la coesione sociale e la “sincronizzazione” dell’umore dei membri di un gruppo, favorendo così la preparazione di azioni collettive. Esempi attuali dell’utilizzo della musica in questi termini sono ad esempio le marce militari, i canti religiosi, gli inni nazionali.

Insomma la musica è un ottimo rimedio in vari campi, ma è soprattutto un metodo utile per rilassarsi!

 

Condividi con #KoinervettiSocial


About CoordinatoreAdmin

Coordinatore e admin di Koinervetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *